Skip to content →

Nato dall’idea di un gallerista parigino che non citerò, illustrare Pinocchio per me fu come morire e poi rinascere.

Tecniche, supporti e formati differenti mi scrollarono di dosso la sedentaria abitudine di 15 anni di “Custodi del Maser”, e d’altra parte non avevo scelta visto che questi ultimi erano ostaggio da anni di un editore incerto a cui avevo incautamente ceduto i diritti.

Il primo a crederci veramente fu Mauro Paganelli, con le sue Edizioni Di, in seguito arrivò la galleria Little Nemo, i Lavieri e tutti gli altri.

Grazie a loro, oggi il mio lavoro è tutto un’altra cosa…

Chiaramente seguirono una serie di marchette, il cui scopo non fu sempre e solo di pagare l’affito 🙂